Massaggi orientali

MASSAGGIO AYURVEDICO

Che cos'è e a cosa serve il massaggio Ayurvedico

Il massaggio Ayurvedico, è un trattamento indiano dolce e rilassante, molto efficace per la cura del corpo, per l'armonia fisica e mentale. Parte integrante della medicina Ayurvedica, un'antica tradizione indiana, il massaggio Ayurvedico si propone di ripristinare una condizione di equilibrio nell'organismo, generando benessere fisico e mentale.

La salute di una persona sarebbe infatti determinata dall'armonia dei Dosha (Vata, Pitta, Kapha), entità della salute che regolano l'equilibrio dell'organismo.

Massaggio Ayurvedico

Il massaggio ha un effetto ringiovanente sul corpo, è utile per mantenerlo sano e forte, alleviare e contrastare i dolori, migliorare il funzionamento degli organi e riportare mente e corpo in uno stato di equilibrio fra loro per un benessere completo.

Tra gli altri massaggi orientali olistici, il cui principio di applicazione considera la mente inscindibile dal corpo, sono molto diffusi lo Shiatsu (giapponese), il Tui Na (cinese) e il massaggio Thailandese. Troviamo anche il massaggio Tantra, quest'ultimo molto diffuso in India.



Come si svolge un trattamento

Un massaggio Ayurvedico ha solitamente una durata di 30-45 minuti, ma può anche durare di più. Sia la durata che il metodo utilizzato nel trattamento variano in base alla condizione della persona che si sottopone al massaggio e ai benefici che desidera maggiormente ottenere (purificarsi dalle tossine, allentare le tensioni, rilassare i muscoli, ecc.): in tal caso, se possibile si può richiedere un trattamento personalizzato.

E' consigliabile evitare di farsi massaggiare quando si hanno dolori e infiammazioni in fase acuta; in tal caso, è bene farsi massaggiare dopo qualche giorno, quando il dolore si è attenuato, oppure evitando un trattamento diretto alla zona infiammata. Inoltre, è bene sottoporsi al trattamento a stomaco vuoto (attendere almeno un'ora e mezza o due dopo i pasti).

Il massaggio si riceve da sdraiati su un lettino o materasso, oppure da seduti (in quest'ultimo caso quando sono trattati il collo e la testa) e si effettua avvalendosi di oli specifici come vedremo più avanti.

l'uso dell'olio nel massaggio ayurvedicoL'utilizzo dell'olio, oltre a rendere più efficace lo scorrimento delle mani del massaggiatore sulla pelle, permette a quest'ultima di assorbirne le proprietà nutritive, rendendola più morbida e resistente, prevenendo la perdita di elasticità dovuta all'invecchiamento e disperdendo il calore interno in eccesso.

La finalità del massaggio Ayurvedico è di ripristinare il corretto funzionamento dell'intero organismo.

Il trattamento avviene con impastamenti, frizionamenti, palpazioni dei tessuti molli del corpo. Oltre a manovre di sfioramento, sono esercitate pressioni intense per massaggiare anche i muscoli.

Il massaggio Ayurvedico viene eseguito lentamente attraverso mani, piedi, gomiti e braccia. Il ricevente deve cercare di rilassarsi completamente per dar modo alle stimolazioni di sciogliere al meglio i blocchi fisici generati dalle tensioni accumulate. Questo aspetto è molto importante perché solo in tal modo il massaggio risulterà veramente efficace.

Quanto costa

Data la sua popolarità, il massaggio Ayurvedico è piuttosto diffuso in Italia, pertanto lo troviamo nei più comuni centri benessere e studi olistici. Per una durata che va dai 30 ai 45 minuti di un trattamento standard (uguale per tutti), il prezzo varia indicativamente tra i 70 e i 90 €. Per i trattamenti personalizzati che si protraggono per più di un'ora,  può arrivare a costare tra i 130-150 €.

Tipi di massaggio

Sono riconosciuti dalla medicina Ayurvedica, il massaggio Ayurvedico caldo oppure freddo:

Massaggio Ayurvedico caldo: il più praticato, viene eseguito con olio tiepido e se possibile sotto i raggi del sole. Si parte massaggiando il corpo dalla parte inferiore, i piedi, fino ad arrivare poco alla volta, alla testa. Lo scopo di questo trattamento è stimolare la circolazione venosa portando la pressione verso il cuore, purificando il sangue e migliorarne la circolazione;

Massaggio Ayurvedico freddo: la pressione viene esercitata dal cuore verso la periferia del corpo. Il massaggio inizia dalla testa e finisce ai piedi. Aiuta a sciogliere i grassi.

Di seguito, trovi vari tipi di massaggio Ayurvedico:

  • Sarvanga Abhyanga: vengono effettuate manualità ayurvediche su tutto il corpo, tonificandolo e migliorandone la flessiblità grazie allo scioglimento delle rigidità muscolari. Favorisce la circolazione del sangue lavorando sulle articolazioni. Come sempre viene fatto tramite l'utilizzo di oli ayurvedici che aiutano la pelle a rimanere tonica ed elastica. Vi sono opinioni molto positive di chi lo ha provato, per via delle profonde sensazioni di relax provate dalla testa ai piedi.
  • Shiro Abhyanga: si effettua sul viso e sulla testa e comprende anche cuoio capelluto, collo e spalle. E' un trattamento Ayurvedico caratterizzato da un forte effetto antistress, che agisce prevalentemente sul sistema nervoso, sul sesto e settimo Chakra. Utile per prevenire il mal di testa e la caduta dei capelli grazie anche all'aiuto di oli.
  • Shirodhara: altro trattamento che si presta bene per problemi legati alla testa, è considerato uno dei più efficaci per prevenire l'invecchiamento. Utilizza tecniche di rilassamento in grado di ridurre disturbi di stress e insonnia.
  • Abhyanga: viene fatto su tutto il corpo, allo scopo di riequilibrare i Dosha Kapha, Pitta e Vata. Ciascuno di essi viene trattato con una specifica manualità al fine riportarlo in una condizione di equilibrio e piena funzionalità in caso di alterazioni.
  • Mukhabhyanga: si tratta di un massaggio fatto al viso, zona del corpo ove risiedono tutti gli organi sensoriali, in grado di nutrire la pelle rendendola più bella e tonica, liberandola dalle tossine e ritardandone l'invecchiamento. Particolarmente utile per coloro che soffrono di insonnia.
  • Griva Abhyanga: è un massaggio ayurvedico che agisce nello specifico sul tratto cervicale, comprendendo anche il collo, le spalle e la schiena. Decontrae le tensioni muscolari qui localizzate allo scopo di defaticarle alleviando lo stress e l'affaticamento muscolare.
  • Tandabhyanga: viene fatto sul dorso della schiena, stimolando la rete nervosa che va a rilassare tutto il corpo, migliorando anche la stabilità posturale favorendo un migliore flusso dell'energia.
  • Udvartana: si pratica tramite lo sfregamento di polveri di erbe sulla pelle di tutto il corpo. Utile nei casi di cellulite, per la riduzione del grasso e l'ossigenazione della pelle.
  • Gamathi e Anti Kapha: trattamenti ayurvedici ad effetto drenante effettuati alle gambe, in grado di infondere un senso di leggerezza. Viene stimolata la circolazione linfatica degli arti inferiori, aiutando a liberarsi dalle impurità della pelle.
  • Padabhyanga: si tratta del trattamento Ayurveda dei piedi. Questi vengono visti come le radici di un albero, visto che ci connettono direttamente con la terra. La loro stimolazione avviene attraverso i punti riflessi, portando numerosi benefici agli organi vitali e sensoriali ed è molto rilassante.
  • Phenakam: si tratta del linfodrenaggio ayurvedico che prevede tecniche di purificazione della pelle dalle tossine, riducendo così i gonfiori e le impurità della pelle, donando un senso di leggerezza.

Benefici

Grazie all'azione svolta sul sistema nervoso tramite il trattamento alla colonna vertebrale, il massaggio Ayurvedico è molto rilassante. I muscoli, la pelle, i nervi, i vasi sanguigni, le articolazioni e le ossa vengono massaggiati. Il trattamento dei muscoli, attraverso frizionamenti e impastamenti, libera dalla fatica la persona trattata, grazie all'azione di scioglimento delle tensioni accumulate a causa di stress psicologico o fisico.

Ecco un elenco dei principali benefici del trattamento Ayurvedico:

  • elimina gonfiori e infiammazioni;
  • favorisce la digestione rinforzando lo stomaco e l'intestino;
  • migliora la circolazione sanguigna;
  • aumenta la resistenza fisica;
  • rinforza la vista;
  • favorisce il riposo;
  • rinforza la pelle purificandola dalle impurità, mantenendola liscia e luminosa;
  • accelera il processo di autoguarigione globale;
  • porta a un maggiore ascolto di sé e favorisce la calma mentale;
  • abbatte le soglie di ansia, stress e fatica mentale;
  • allevia la stanchezza fisica;
  • dona forza e vigore.

Il massaggio Ayurvedico prevede inoltre trattamenti della sciatica, dell'artrite, della costipazione, dell'obesità, delle slogature, delle fratture, dell'insonnia e la rimozione di altri squilibri. Nella medicina Ayurvedica è prevista anche la cura dell'alimentazione attraverso diete specifiche. Ne parleremo prossimamente su queste pagine.

Il massaggio Ayurvedico per purificare il corpo

Grazie al massaggio ayurvedico, il sistema linfatico, il cui compito è quello di proteggere l'organismo dalle infezioni recuperando le sostanze utili e la parte liquida in eccesso, è stimolato nel compiere in modo più efficace le sue funzioni. Vi è una più celere eliminazione del liquido interstiziale e della linfa che per determinate cause si sono accumulati in alcune regioni del corpo. In questo modo  l'organismo si purifica dalle tossine, rinvigorendosi. Inoltre, il massaggio del collo, delle spalle, delle braccia, della schiena, delle gambe e dell'addome rendono tonico e flessibile il corpo, mantenendolo sano e in forma.

La pelle dopo un trattamento è rinnovata. E' consigliabile dunque, oltre a utilizzare creme per la pelle, sottoporsi a sedute di massaggio per rinforzare anche l'interno del corpo, non solo l'esterno. Questo porta a un trattamento di benessere a tutto tondo.

Controindicazioni

A fronte di tanti benefici, esistono tuttavia delle specifiche controindicazioni del massaggio ayurvedico. Ecco di seguito i casi in cui esso andrebbe evitato:

  • Quando si presentano disturbi a carico dell’apparato respiratorio (muco in eccesso, tosse grassa e/o secca, raffreddore);
  • In presenza di gravi problemi a carico del sistema gastrointestinale;
  • Quando la persona da trattare si trova a stomaco pieno o semi pieno;
  • Nei primi tre mesi di gravidanza;
  • Durante il ciclo mestruale, specie se abbondante;
  • In presenza di febbre in atto;
  • In presenza di disturbi vascolari gravi;
  • In presenza di malattie cardiache gravi;
  • In caso di malattie infiammatorie;
  • In presenza di traumi o fratture agli arti;
  • In presenza di tumori in atto o pregressi, se è decorso poco tempo dalla cura.

Si può tranquillamente affermare che il massaggio ayurvedico, sia pur con tutte le sue controindicazioni di cui tenere conto, rappresenta un prezioso supporto, ma a patto che chi vi si sottopone non soffra di determinate patologie: ricordiamo che solo un medico/terapista può curare e starà unicamente a questa figura professionale consigliare o meno un trattamento di questo tipo con finalità antistress.

I Marma

Marma significa "Area vitale". I Marma sono dei punti collocati sul corpo dove vi è l'incontro di nervi, muscoli, legamenti, articolazioni e vasi sanguigni. La loro stimolazione è diretta ad aiutare ad evitare l'insorgere di disturbi, ferite e traumi.
Nel corpo vi sono 107 Marma. Questi punti, più sensibili degli altri costituiscono un intero sistema che ha il compito di proteggere il corpo da lesioni esterne e da traumi. Solo se si mantengono sani è possibile godere di un'ottima salute poiché il corpo si trova in una condizione di equilibrio disponendo delle risorse adeguate per reagire bene ai cambiamenti ambientali. Il loro massaggio rinforza la pelle e i muscoli, rendendoli flessibili e sempre giovani.

Un tempo, quando ancora non esistevano le armi da fuoco, la conoscenza dei Marma veniva utilizzata dai guerrieri per combattere i nemici: sapere dov'erano collocati i punti vitali del nemico e proteggendoli a loro volta dagli attacchi di questi, era una necessità di vitale importanza.

Tecniche del massaggio Ayurvedico

Le tecniche, o movimenti del massaggio, comprendono sfioramenti, delicate percussioni, impasti.

La tecnica di sfioramento (effleurage) consiste nel trattamento del sistema linfatico e sanguigno. I suoi movimenti partono dalle estremità degli arti e terminano all'inguine o alle ascelle.
La tecnica di percussione (stroking), consiste in leggere battiture eseguite con entrambe le mani su schiena, gambe e glutei per stimolare il sistema nervoso del ricevente. Viene utilizzata anche per contrastare dolori di origine nervosa come la sciatica.
La tecnica dell'impasto (petrissage) consiste nel premere e sollevare tra il pollici e le altre dita i muscoli, per poi trattarli conferendogli nuova vitalità. Utile anche nei casi di cellulite.
Lo strizzamento dei muscoli conclude il massaggio agli arti inferiori e superiori: i muscoli sono pressati per liberare il dolore dall'estremità dei piedi e dalle mani; successivamente, le articolazioni delle mani e dei piedi sono ruotate sia in senso orario che antiorario.

In alcune tradizioni è presente il massaggio Ayurvedico con l'utilizzo dei piedi. Il massaggiatore o massaggiatrice per trattare il corpo del ricevente, si avvale dell'ausilio di una lunga corda calante dal soffitto. Una o due mani tengono la corda e i piedi, immersi nell'olio contenuto in un piatto appoggiato vicino, servono a massaggiare la persona distesa sotto la corda.

Nel massaggio Ayurvedico non manca la riflessologia plantare: attraverso la pressione di precisi punti collocati sui piedi del ricevente, si stimolano per via riflessa gli organi interni senza dover trattare questi ultimi in modo diretto. Genera un profondo senso di sollievo e relax.

Gli oli Ayurvedici

Gli oli utilizzati nel trattamento Ayurvedico sono vari e ciascuno di essi ha determinate proprietà benefiche:

  • Olio di sesamo: è il più utilizzato; per un benessere generale e per la salute dei capelli
  • Olio d'oliva: scioglie la rigidità dei muscoli e attenua i gonfiori
  • Olio di mandorle: ne beneficia soprattutto il sistema nervoso e rallenta l'invecchiamento
  • Oli di semi di zucca gialla: rinforza la memoria e cura l'insonnia e l'ansia
  • Olio di fegato e di merluzzo: per la cura dell'artrite
  • Olio di coriandolo: cura l'ansia e l'insonnia
  • Olio di semi di senape: fa bene alla milza

L'olio, applicato sulla testa, viene assorbito dal cuoio capelluto rinforzando i capelli evitandone la caduta precoce, vedi anche gli oli per massaggio rilassante.

Inoltre, il massaggio al capo aumenta l'energia vitale e del cervello.

Il massaggio Ayurveda dei Chakra

I Chakra sono i centri energetici che rappresentano la mente dell'essere umano e la sua componente energetica. Kundalini è l'energia latente che riposa avvolta nelle sue spirali dove risiede il Muladhara chakra, il centro dell'energia creativa.

La Kundalini è rappresentata come un serpente in attesa di essere risvegliato ed è la più alta manifestazione di coscienza dell'essere umano. Il suo risveglio porta ad un'evoluzione psicofisica, ma perché ciò avvenga, l'energia Kundalini deve salire lungo la colonna vertebrale, passando uno ad uno tutti i Chakra fino ad arrivare all'ultimo, il Sahasrara posto sulla sommità del capo: esso rappresenta la coscienza suprema. Per risvegliare Kundalini occorre un lungo processo meditativo, e un costante e assiduo allenamento nelle posizioni dello Yoga.

Il massaggio Ayurvedico dà un incisivo aiuto a questo scopo. I Chakra, durante il massaggio sono stimolati e se vi si pone particolare attenzione, la sensibilità di questi punti aumenta per il ricevente e così la consapevolezza della loro esatta collocazione.

Al di là del risveglio del Kundalini, il massaggio dei Chakra, riequilibra il sistema energetico e di conseguenza anche quello organico, materiale. La posizione dei 7 Chakra corrisponde all'ubicazione delle ghiandole endocrine che formano il sistema ormonale. Gli ormoni regolano le funzioni di tutto il nostro organismo e il massaggio delle ghiandole migliora le funzioni del corpo.

Conclusioni

La crescente diffusione del massaggio Ayurvedico in occidente è da ricondurre a un cambio di mentalità delle persone: si sta cercando un'alternativa alla medicina tradizionale e si è più propensi che in passato a provare altri rimedi più naturali, primitivi, che riportino lo stato di benessere all'essenza originaria. Indicato a tutte le età, il massaggio Ayurvedico è molto apprezzato per la sua efficacia e per la piacevolezza nel riceverlo.

Come sempre, consigliamo di rivolgersi a professionisti che conoscano l'autentico trattamento, con i suoi principi e le sue tecniche, in modo da beneficiare appieno della sua efficacia in termini di benessere globale.

Articoli correlati:

Massaggio Ayurvedico: che cos'è, le tecniche, gli oli utilizzati, i benefici

Massaggio Ayurvedico al viso

Massaggio Ayurvedico alla testa

Massaggio Ayurvedico alla schiena

Automassaggio Ayurvedico: guida in 10 passi

 

 

 

Ti trovi qui: