Massaggi orientali

Massaggio olistico

Massaggio olistico

Cos’è il massaggio olistico

Quando si parla di massaggio olistico, si intende una particolare tipologia di trattamento che ha lo scopo di far raggiungere uno stato di benessere totale del corpo.

Ciò significa che, agendo sui meridiani energetici, l’operatore crea sull’individuo tutte le condizioni necessarie perché si instauri una condizione di completo di rilassamento mentale, il quale favorisce un maggior defluire di energia nel corpo, amplificando l'effetto di un normale massaggio rilassante.   

Attraverso quindi questa stimolazione dei meridiani, viene a ripristinarsi il naturale equilibrio energetico che può essere stato compromesso a causa per esempio di stress prolungati o una vita sregolata, ritmi sonno veglia errati, alimentazioni non corrette, piuttosto che patologie vere e proprie.

Teoria olistica e medicina tradizionale cinese

Il massaggio olistico rientra fra le pratiche proprie della medicina olistica, che abbraccia l’idea in cui corpo, mente e spirito costituiscano un unico sistema in grado di scambiare informazioni al proprio interno e di interagire con l’ambiente circostante condividendo con esso altrettante informazioni.

Secondo la teoria delle discipline olistiche, essendo appunto parte di quella che viene chiamata medicina alternativa, agendo prima sull’energia e quindi ripristinando l’equilibrio psico-fisico del corpo integrandolo con ciò che lo circonda, si può intervenire anche sul benessere di organi o tessuti danneggiati. Si parla quindi di un beneficio “indiretto”, al contrario della medicina occidentale, la quale invece agisce direttamente sul sintomo dell’organo interessato.

Tipologie di trattamento olistico

Trai i vari massaggi olistici troviamo:

Ciascuno di essi ha caratteristiche profondamente diverse in quanto ognuno di loro deriva da culture differenti. Ciò che li accomuna è che agiscono di riflesso sugli organi interessati portando benessere in tutto l'organismo.

Come si fa il massaggio olistico

Quali manovre vengono effettuate dal massaggiatore olistico?

Abbiamo visto come il massaggio olistico sia un trattamento efficace sul ripristino dell’equilibrio totale della persona, portando mente, corpo e spirito in uno stato di completa connessione.
La differenza principale con altri tipi di massaggio, è che il massaggio olistico non tratta una sola zona del corpo (esempio gambe, cervicale, schiena), ma agisce sulla totalità della persona, aiutandola dal punto di vista fisico, mentale, psicologico, emozionale e relazionale andando a sciogliere i blocchi energetici.

Per fare ciò, l’operatore interviene manipolando e stimolando i meridiani energetici, che altro non sono che “canali” in cui scorre l’energia vitale dell’individuo. I meridiani energetici nella medicina tradizionale cinese (MTC) sono equiparati agli occidentali vasi e arterie in cui scorre il sangue.

Essendo il corpo umano caratterizzato da 44 meridiani e 400 punti unici (che coincidono con i punti dell’ago puntura), è indispensabile che l’operatore sia ben preparato e sappia pertanto quale punto preciso sta trattando. E’ bene inoltre precisare che ogni pratica di massaggio olistico è a sé. L’operatore calibra infatti il tipo di intervento in base alla persona che si trova di fronte e alle sue specifiche esigenze.

Il colloquio conoscitivo

Prima di iniziare la seduta, l’operatore svolge una prima indagine utile ad individuare possibili disturbi o aspetti critici di cui vale la pena tenere in considerazione prima di effettuare il massaggio. In questo modo, il professionista capisce a quali blocchi energetici possono essere ricondotti i disagi lamentati dal cliente e fa una breve mappatura sui punti da trattare per sciogliere determinate tensioni.

Il colloquio preliminare si rivela inoltre di fondamentale importanza per reperire informazioni sullo stato generale del cliente per capire se la presenza di eventuali patologie può essere di ostacolo alla pratica olistica, in quanto non di sua competenza (spetta solo al medico diagnosticare e curare le patologie/malattie).

La pratica del massaggio olistico

Una volta conclusa la fase colloquiale con il cliente, l’operatore procede con il massaggio. A differenza di altre forme di massaggio, quello olistico prevede un trattamento piuttosto delicato del corpo, preferendo infatti escludere pressioni più pesanti e invasive che in alcuni casi possono paradossalmente far ottenere l’effetto opposto.

Tuttavia, come detto sopra, ogni pratica di massaggio olistico è a sé e, proprio per questo motivo, capitano casi in cui il massaggiatore o la massaggiatrice olistica ritengono opportuno intervenire tramite azioni più vigorose.

Per operare sul corpo, vengono eseguite pressioni, digitopressioni, manipolazioni, sfregamenti, che vanno a inficiare sulle connessioni corporali dell’individuo quali muscoli, articolazioni e postura.
Non è raro che durante un massaggio olistico vengano impiegati oli vegetali, cristalli o argilla per favorire oltre che il rilassamento, anche le stesse pratiche sul paziente che possono risultare più agevoli con l’ausilio di determinati accorgimenti.

Tutte queste azioni hanno due principali fini che si vogliono perseguire: talvolta si opta per un’azione decongestionante, ossia quella di smaltire le tossine e ottenere una depurazione dell’organismo; altre volte invece le manipolazioni hanno uno scopo decontratturante sui muscoli e le articolazioni. Spesso si agisce su entrambi i fronti. In ambedue i casi, vengono stimolate circolazione linfatica e sanguigna, come nel massaggio linfodrenante, ripristinando il corretto defluire dell’energia attraverso i canali vitali.

Dove si esegue

Trattandosi di una pratica interdisciplinare, è importante che chi opera il massaggio olistico sia un professionista che ha svolto corsi appositi ed è pertanto in possesso di certificazioni/attestati rilasciati dalla scuola che ha frequentato.

Un bravo massaggiatore dovrebbe possedere innanzitutto delle buone conoscenze di anatomia umana. Questo perché, le pratiche vengono eseguite su parti del corpo spesso delicate che se trattate non correttamente, possono dar luogo a spiacevoli ripercussioni.
Inoltre, può accadere che talvolta, al massaggio vengano abbinati consigli generali sullo stile di vita più appropriato da condurre, che può comprendere consigli sul regime alimentare da seguire o suggerimenti su integratori omeopatici, previo consenso medico.

Fa quindi parte del background di un professionista olistico senz’altro una formazione in campo erboristico, in quanto, impiegando oli o argille e dando consigli su prodotti omeopatici, deve necessariamente essere a conoscenza sui possibili effetti avversi che questi possono avere su alcune persone.

Per ricevere quindi un massaggio olistico, è bene rivolgersi ad un centro o un professionista specializzato. Molto spesso, un operatore olistico non svolge solamente il trattamento olistico vero e proprio, ma abbina altre pratiche proprie della medicina alternativa. Affidarsi quindi a personale qualificato e multidisciplinare è indispensabile, vedi anche come diventare operatore olistico.

Ambientazione del massaggio olistico

Abbiamo visto come lo scopo primario del massaggio olistico sia quello di mettere il cliente nelle condizioni più benefiche possibili per il raggiungimento del benessere.
E’ solito da parte degli operatori, svolgere il massaggio in un ambiente calmo e tranquillo. La stanza dovrebbe essere preferibilmente chiusa da una porta (possibilmente non a vetri), per offrire una sensazione di maggior privacy e comfort.

Le luci devono essere tenue e soffuse, optando per temperature calde o addirittura lampade di sale che aiutano a creare nella sala massaggio le condizioni di umidità necessarie per una respirazione più piacevole. Spesso viene impiegata una musica di sottofondo con suoni lenti e ritmici che favoriscono la distensione.

E’ inoltre importantissimo che l’ambiente non sia troppo freddo, né troppo caldo, in quanto questi due estremi possono far percepire la seduta come un disagio più che un piacere.
Anche l’impiego di diffusori di essenze è particolarmente consigliato, ma è cosa buona che queste non risultino troppo intense o pungenti, ma siano al contrario blande e delicate.

Benefici del massaggio olistico

Attraverso le tecniche spiegate sopra e le accortezze che un operatore olistico adotta durante un massaggio, si possono ottenere innumerevoli benefici dettati tutti dall’assunto della stessa teoria olistica che prevede come detto sopra che corpo, mente, spirito e ambiente formino un tutt’uno.

Sottoponendosi ad un massaggio olistico ne beneficeranno:

  • Energia: grazie al rilassamento e al drenaggio linfatico il corpo dopo qualche seduta di massaggio, acquisterà energia e sprint.
  • Ansia e stress: la percezione del mondo sembrerà più leggera. Le questioni che prima destavano più preoccupazione trovano ora un risvolto più piacevole grazie al raggiungimento dell’armonia fra corpo, mente e ambiente, che riducono sensibilmente la sensazione di stress e ansia. Inoltre, la mente riacquisirà l’abilità di rimanere nel presente e percepirne le sfumature.
  • Problemi del sonno: grazie alle manipolazioni e all’utilizzo di aromaterapia, il corpo produrrà più serotonina, ormone utile nella sintesi della melatonina che regola il ritmo sonno – veglia.
  • Tensioni e contratture muscolari e articolari: con l'utilizzo di pressioni, digitopressioni e manipolazioni, verranno eliminati i blocchi causa delle contrazioni dei muscoli che ne impediscono la naturale elasticità. Ne consegue anche un miglioramento della postura.
  • Circolazione sanguigna: effettuando pressioni in determinati punti e canali il sangue e la linfa verranno drenati attraverso le zone congestionate, riprendendo il loro flusso naturale.
  • Sistema immunitario: con il drenaggio della linfa e del sangue, il corpo si libererà da tossine e sostanze nocive; ne consegue una maggior produzione di globuli bianchi che difendono l’organismo da attacchi esterni.
  • Respirazione: grazie alla stimolazione dei muscoli che intervengono nella respirazione, ma grazie anche alle numerose respirazioni profonde eseguite durante il massaggio, si imparerà a comprenderne l’importanza anche durante la vita di tutti i giorni. Una respirazione lenta e profonda contribuisce infatti a tenere a bada lo stress e favorisce la concentrazione. Al contrario, respiri più veloci e affannosi, riducono l’apporto di ossigeno al cervello, creando confusione mentale.

Possibili effetti Collaterali

Ci sono controindicazioni per il massaggio Olistico?

Trattandosi di una pratica delicata e non invasiva, il massaggio olistico, se praticato su individui che non presentano particolari patologie è generalmente privo di effetti collaterali.
Una cosa di cui è bene tenere conto è la possibile reazione allergica nei confronti degli oli impiegati durante il massaggio. A questo proposito, si rivela molto importante, dare notizia all’operatore in merito ad eventuali allergie durante il colloquio conoscitivo inziale.

Inoltre va tenuto presente che il trattamento olistico non deve essere effettuato su persone che soffrono di disturbi e patologie dell’apparato muscolo scheletrico, cardiovascolare o dell’epidermide quali:

  • dermatiti, dermatosi
  • artriti, spondiloartriti, artrosi
  • disturbi cardiovascolari
  • fragilità capillare
  • flebiti
  • malattie infettive

Le donne in stato di gravidanza dovrebbero chiedere consiglio al proprio medico di famiglia o ginecologo prima di sottoporsi ad un massaggio olistico.

Ti trovi qui: